S.O.S. AL PARROCO: il parco fu donato per i bambini dell’oratorio

La Nazione, 9 settembre 2012

(Andrea Luparia)

COSA SARA’ IL PARCHEGGIO INTERRATO IN CENTRO STORICO?

COSA VUOL DIRE PER IL CENTRO STORICO?

Un’altra violenza ad un centro storico che ha già visto riempire i propri fossati e costruirci dentro, ha visto case costruite sui torrioni. Un’altra ferita, un parcheggio interrato di box privati da vendere a tutti, in una delle zone più antiche della città, ai piedi della fortezza Firmafede.

Un progetto che spazzerà via la speranza di poter pedonalizzare completamente il centro storico di Sarzana.

COSA VUOL DIRE PER I RESIDENTI?

I residenti, soprattutto quelli che vedono le loro abitazioni affacciarsi sulle vie carrabili del centro vorrà dire sopportare più macchine, non solo quelle dei residenti, ma anche quelle di professionisti, commercianti e artigiani che compreranno il box ed entreranno e usciranno ogni giorno in centro, senza limiti.

Ma vuole anche dire un cantiere che durerà almeno un paio di anni.

Vuol dire rumori, polvere e fango.

Vuol dire che nella prima fase camion entreranno da Porta romana e usciranno pieni di terra da Piazza Garibaldi (ripercorrendo Piazza Firmafede). 11 mila tonnellate di terra: almeno 1400 carichi da trasportare fuori città. E una volta finito lo sbancamento dovranno entrare camion con il materiale da costruzione, le betoniere col cemento armato e le pompe.

La durata del cantiere sarà comunque variabile perché dipenderà sempre dal tempo, dagli imprevisti tecnici e dai possibili resti storici e archeologici che potrebbero emergere.

In ogni caso, una volta finito, quando il peggio sembrerà passato si vedrà un campetto sintetico per i bambini che da generazioni ivi giocano a calcio e pallavolo contornato da griglie per la ventilazione del parcheggio sottostante: gas di scarico di 58 auto che respireranno i bambini e tutti i cittadini che hanno la finestra che affaccia su quel fronte.

COSA VUOL DIRE PER I COMMERCIANTI?

Sui commercianti si rifletteranno le stesse conseguenze che subiranno i residenti.

Un parcheggio privato non porterà più gente ma l’allontanerà per tutto il periodo del cantiere.

I negozi, al piano terra, subiranno ancora di più il periodo del cantiere soprattutto nel tratto di Piazza Firmafede- Via Mazzini – Piazza Garibaldi.  A questi sarà chiesto di sopportare il via vai di camion e con ogni probabilità di rinunciare all’occupazione di suolo pubblico per permettere le manovre ai mezzi ingombranti.

TUTTI PAGHERANNO GLI INTERESSI DI POCHI!

FIRMA LA PETIZIONE

CONTRO QUESTO PROGETTO!!!

PARCHEGGIO INTERRATO NEL CENTRO STORICO: CITTADINI IN RIVOLTA, PARTE LA RACCOLTA FIRME

Quale periodo migliore di quello del Festival della mente, in cui la città si riempie, per pubblicizzare, con volantini sulle macchine, la vendita di nuovi box in centro città?

E così, come molti altri, ho trovato sulla macchina un volantino di una nota agenzia immobiliare che propone a Sarzana, un garage in centro.

Incredula proprio stamattina mi sono recata in agenzia.

Ho chiesto informazioni come acquirente interessata ma non residente a Sarzana.

Nessun problema! Il parcheggio è disponibile per tutti, non serve avere già il pass per la ZTL, basta pagare.

Così mano a mano che la proposta mi veniva illustrata scopro che il progetto è stato approvato dopo sei anni di silenzio assoluto. Due piani interrati di parcheggi in una delle zone più antiche della città. Sotto il campetto da calcio e pallavolo dell’oratorio che una volta radunava centinaia tra bambini e ragazzi. In un vuoto urbano che affianca la cattedrale della città ma soprattutto che faceva parte dell’ex convento dei frati Domenicani (ove oggi sorge il teatro Impavidi). Sullo stesso vuoto su cui si affaccia l’ex oratorio della Misericordia che accoglie il museo Diocesano e la fortezza Firmafede.

Monsignore Barbieri attacca un kebabbaro asserendo di portare degrado in città e invece concede che il campetto dello storico oratorio della cattedrale cittadina venga realizzato un parcheggio interrato, i cui scarichi d’areazione sboccheranno sicuramente intorno al campetto sintetico dove giocheranno i bambini.
Nessuna città europea con un centro storico medievale si sognerebbe di fare realizzare un parcheggio del genere.

Per l’ennesima volta le bugie del Sindaco Caleo hanno le gambe cortissime.       

Basti pensare quando annunciò in un programma Rai nel 2010 che il nostro centro storico sarebbe stato completamente pedonalizzato. E come farà dopo aver inserito cuore del centro storico un parcheggio che potrà ospitare dalla 29 alle 58 automobili?
Il cantiere si stima avrà una durata dai 18 ai 24 mesi ma ovviamente si andrà oltre. In ogni caso almeno per due anni i cittadini dovranno subire un via vai di camion che trasporteranno materiali da costruzioni ma soprattutto la terra dello scavo.

Per la straordinarietà dell’intervento pare sia già prevista l’istituzione del doppio senso di circolazione su piazza Firmafede con sbocco per i mezzi ingombranti su piazza Garibaldi. Una follia. I cittadini del centro storico non avranno più pace neppure d’inverno, tra fango e polvere saranno reclusi nelle loro abitazioni.
Sto predisponendo una petizione che tutti i cittadini sarzanesi potranno firmare. Non  necessario però essere residenti in centro per cogliere la follia di questo progetto e firmare per chiedere all’amministrazione di ritirare qualunque permesso abbia rilasciato.

Con alcuni cittadini, molto spaventati per la sicurezza delle proprie case, stiamo predisponendo la denuncia di danno temuto e chiederemo l’accertamento tecnico preventivo presso il tribunale. Chiunque fosse interessato non esiti a contattarmi.

Intanto per chi avesse intenzione di dire la propria il blog è aperto al confronto e già presso il negozio FIRMAFEDE 7, nell’omonima piazza, è possibile firmare la petizione.

Dalla prossima settimana saranno resi noti gli altri punti di raccolta firma e comunque è possibile scaricare il modulo e raccogliere in autonomia firme che potranno infine essere consegnate direttamente a me o presso i luoghi indicati.

SCARICA LA PETIZIONE

FIRMA ON LINE LA PETIZIONE!!!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 43 follower