ATC: da un anno chiedo come sono stati spesi i soldi dei cittadini

La risposta alle interrogazioni vanno spesso oltre il termine di 30 giorni stabilito dal regolamento (e dalle legge) e troppe volte non basta neppure la sollecitazione da parte del Prefetto. Molte interrogazioni rimangono in attesa di una risposta per mesi e mesi ma alcune sono arrivate a compiere un anno!

Ebbene si, il 15 ottobre 2011 presentai un’interrogazione per avere informazioni sull’accordo del trasporto pubblico locale. Il 17 ottobre di quest’anno la risposta, peraltro incompleta, è arrivata.

Al Sindaco non è bastato un anno per rispondere. Ho ricevuto infatti risposta evasiva che non mi mette nelle condizioni di avere dati certi su un servizio pubblico: non è dato sapere gli oltre 700 mila euro di contributo del nostro comune hanno fatto in modo che ATC si adeguasse all’accordo sottoscritto.  Quindi, dopo un attesa di un anno, non so ancora: se è vero che ATC ha acquistato 20 nuovi bus a bassa emissione e 8 veicoli euro 5 tutti dotati di possibilità di trasporto di carrozzina per disabili e se sugli stessi è stato installato l’avvisatore acustico di origine e destinazione del bus. E che fine ha fatto l’impegno di fornire un servizio informativo anche alle fermate dei bus? E l’integrazione tra i servizi su ferro, il treno per intenderci, e su gomma come è stata potenziata? E perché non mi si dice se sono state generate economie di spesa utili a creare investimenti nel trasporto pubblico locale?

La Regione Liguria considerava prioritario per il triennio 2009/2011 dirottare investimenti per aumentare la mobilità tra le aree e le infrastrutture di sosta periferiche ed i centri cittadini. Ma su questo non penso serva la risposta del Sindaco. Per l’ennesima volta non si è speso un euro ed a Sarzana i parcheggi periferici rimangono per i più sconosciuti. Un anno perso, in tutti i sensi.

Annunci

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 43 follower